top of page
  • Studio Paci

Regime forfettario e ritenute d'acconto non effettuate: ultimi chiarimenti dell'AdE

Aggiornamento: 12 nov 2023



Risposta Interpello Regime forfettario n. 245_2023
.pdf
Download PDF • 195KB

L'Agenzia delle Entrate ha recentemente fornito chiarimenti riguardo alle responsabilità dei contribuenti in regime forfettario per le ritenute d'acconto omesse per errore.

In un recente Interpello n. 245 del 8 marzo 2023, un sostituto d'imposta chiedeva chiarimenti riguardo alla ritenuta d'acconto non operata sui compensi corrisposti tra il 1° gennaio 2021 e ottobre 2022 a un collaboratore autonomo che aveva dichiarato di avvalersi del regime forfettario.

Il sostituto d'imposta aveva usufruito delle prestazioni professionali del collaboratore per attività di presentatore di servizi e aveva corrisposto i compensi maturati dal collaboratore nei periodi d'imposta 2021 senza applicare la ritenuta d'acconto.

Il collaboratore aveva emesso fatture senza esercitare la rivalsa dell'IVA e senza esposizione della ritenuta d'acconto, e successivamente aveva comunicato di non poter più fruire del regime forfettario a partire dall'anno d'imposta 2021 a causa della perdita del requisito reddituale.

L'Agenzia delle Entrate ha rilevato che il collaboratore aveva applicato erroneamente il regime forfettario e non aveva rispettato le norme in materia di IVA e ritenuta d'acconto. Tuttavia, l'Agenzia ha sottolineato che il regime forfettario non prevede l'applicazione della ritenuta d'acconto, ma in caso di errata applicazione del regime, il contribuente può rimediare emettendo delle note di variazione in aumento o in diminuzione per integrare o stornare le fatture originarie con l'IVA di rivalsa e indicare la ritenuta d'acconto.

Pertanto, il sostituto d'imposta non è tenuto a effettuare il versamento delle ritenute d'acconto non operate, né a presentare le certificazioni uniche e il Modello 770/2022 integrativo.

È importante sottolineare che i contribuenti in regime forfettario devono prestare particolare attenzione alle loro responsabilità specifiche per evitare errori nella gestione delle ritenute d'acconto e dell'IVA.

Comments


bottom of page